Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più leggi la policy completa
I libri del Premio XXXIII edizione
Home

Vincitori Edizione 2016

Condividi
 
 
 
Condividi

I vincitori Edizione 2016

Condividi
Condividi

PICCOLODECAMERON 2.0

Condividi


Boccaccio Giovani IV Edizione
PICCOLODECAMERON 2.0 - Le Novelle


Condividi

Comunicato stampa - 8 Settembre 2016

Condividi

Associazione Letteraria Giovanni Boccaccio 

  

Dal 9 settembre tre giorni di eventi a Certaldo per la 35esima edizione del Premio Letterario Giovanni Boccaccio 2016

Fervono i preparativi per la tre giorni di eventi che accompagnerà la trentacinquesima edizione  del “Premio Letterario Giovanni Boccaccio 2016” con tre grandi protagoniste: Dacia Maraini vincitrice per la letteratura italiana con l’opera La bambina e il sognatore (edita da Rizzoli), la francese Maylis de Kerangal per la letteratura internazionale con Lampedusa, e Lilli Gruber per il giornalismo.

Eventi culturali di primo piano rendono indubbiamente esclusiva l’edizione 2016 del “Premio Boccaccio” già a partire da venerdì 9 settembre con il seminario internazionale “Intorno a Boccaccio/Boccaccio e dintorni – III Edizione” (9.15-13.00; 14.30-18.00) nei locali della Biblioteca Casa del Boccaccio, a Certaldo Alto. Seguirà in prima serata (ore 21.00) la proiezione del film documentario Fuocoammare, al Cinema Teatro Boccaccio a Certaldo, con dibattito successivo insieme al protagonista Pietro Bartòlo, la scrittrice Maylis de Kerangal e rappresentanti delle istituzioni locali. L’ingresso è a offerta libera a partire da 5 euro destinata alle attività del dottor Bartolo a Lampedusa.

Fuocoammare è un documentario  del 2016 diretto da Gianfranco Rosi, premiato nello stesso anno con l'Orso d'oro  per il miglior film al Festival di Berlino, che ha per oggetto l'isola di Lampedusa e gli sbarchi di migranti che la interessano. Uno dei personaggi del film è Pietro Bartòlo, il medico che dirige il poliambulatorio di Lampedusa e che da anni compie la prima visita ad ogni migrante che sbarca nell'isola.

Sempre il 9 settembre, si terrà nei locali di Palazzo Pretorio (ore 10.00-13.00; 15.00-19.00) “Femminesse-Laboratorio di scrittura” a cura di Lineascritta di Antonella Cilento, che terminerà il giorno successivo, sabato 10 settembre (ore 10.00-13.00).

Sabato 10 settembre, l’appuntamento è a Certaldo Alto: ore 10, nel parterre di Palazzo Pretorio per la premiazione della Tesi di laurea magistrale e di dottorato su Giovanni Boccaccio e presentazione delle novelle online del “Boccaccio Giovani 2016”; nel pomeriggio (ore 17.00) in Palazzo Pretorio si svolgerà l’evento più atteso:  la cerimonia di premiazione del “Boccaccio 2016”, condotta da Federica De Sanctis e con un ospite di eccezione: l’attrice Maria Rosaria Omaggio, che interpreterà la novella seconda della settima giornata del Decameron del grande novelliere toscano e alcuni brani delle opere vincitrici.  Chi  volesse partecipare alla cerimonia di premiazione può prenotarsi andando sul sito dell’associazione www.premioletterarioboccaccio.it, oppure telefonando allo 0571-664208 (dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle 12) o inviando un’email all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Sarà presente anche la giuria del “Premio Boccaccio ”, presieduta da Sergio Zavoli e rappresentata da Pier Francesco De Robertis, Paolo Ermini, Stefano Folli, Margaret Mazzantini, Marta Morazzoni e Luigi Testaferrata.

Domenica 11 settembre, alle ore 10.30, nel Parterre di Palazzo Pretorio, sempre a Certaldo Alto, si terrà “11 Settembre 2001-2016” con gli interventi del vice ministro Riccardo Nencini (autore anche di saggi dedicati a Oriana Fallaci), l’Imam di Firenze  Izzedin Elzir, il presidente dell’istituto Sangalli Maurizio Sangalli, e l’attrice Maria Rosaria Omaggio, che leggerà alcuni brani tratti dall’opera di Oriana Fallaci.  

Si ringraziano il Comune di Certaldo, l’Assessorato alla cultura della Regione Toscana per la fattiva collaborazione e quanti hanno garantito il proprio prezioso sostegno: Banca di Cambiano, Cabel, Banca C. R. Firenze, Banca Monte dei Paschi di Siena, Banca Mediolanum, Confindustria di Firenze e il Rotary Club Valdelsa-Distretto 2071. L’organizzazione del Premio deve la sua riuscita alla passione e all’impegno costante dei componenti dell’Associazione letteraria Giovanni Boccaccio presieduta da Simona Dei e ai numerosi Amici del Boccaccio che rendono possibile sul territorio appuntamenti culturali di grande valore e qualità.

Certaldo 08 Settembre 2016

Condividi

Comunicato stampa - 7 Settembre 2016

Condividi

 

Associazione Letteraria Giovanni Boccaccio 

  

Maria Rosaria Omaggio ospite di eccezione della XXXV edizione

del Premio Boccaccio 2016

Sarà l’attrice Maria Rosaria Omaggio a intrattenere il pubblico della cerimonia di premiazione del “Premio Letterario Giovanni Boccaccio 2016”, in programma sabato 10 settembre, nei locali di Palazzo Pretorio a Certaldo Alto, alla presenza delle protagoniste di quest’ultima edizione (la 35esima):  Dacia Maraini vincitrice della sezione Letteratura italiana grazie all’opera La bambina e il sognatore (edita da Rizzoli), la francese Maylis de Kerangal per la Letteratura  internazionale, e Lilli Gruber per il Giornalismo.

Interpreterà la novella seconda della settima giornata del Decameron del grande novelliere toscano (quale sintesi di una sensibilità anche biografica, ereditata  dalla madre toscana e dal padre partenopeo) e alcuni brani delle opere vincitrici.

Maria Rosaria Omaggio è una tra le più eclettiche e talentuose attrici italiane divenuta popolare giovanissima attraverso il piccolo e il grande schermo, ma anche tramite il teatro. Da anni firma testi e regia. Per il suo impegno nel sociale è Goodwill Ambassador UNICEF. E’ autrice di  varie pubblicazioni e vincitrice di numerosi premi (Premio Miglior Corto 2016 Giuria di VariEtà Tulipani Seta Nera e RAI Cinema, al cortometraggio Hey You! di e con Maria Rosaria Omaggio; Premio Anita Ekberg 2016 per l’interpretazione di “Cristina di Svezia, Regina a Roma”;  Premio alla carriera FormiaFilmFestival 2015; Premio Oriana Fallaci 2014 Firenze ; Premio San Valentino Terni 2014 ; Per il film “Walesa-L’uomo della speranza” presentato alla 70a Mostra del Cinema di Venezia 2013, le viene assegnato il Premio Pasinetti menzione speciale per l’interpretazione di Oriana Fallaci, al 67° Festival Internazionale del cinema di Salerno 2013 riceve l’Arechi d’oro di Salerno “per la sua magistrale interpretazione nel film di Wajda” e a Roma il Premio Palladium alla carriera 2014; Miglior allestimento e regia Ombra della sera- Volterra teatro 2012 per “Il balcone di Golda” di William Gibson; Oltre a tre Maschere d’argento, una targa Gromo alle Grolle d’oro di Saint Vincent, un Biglietto d’oro a Taormina, il Camelot San Sebastian e la Peña Valentin in Spagna, miglior interprete al Festival des films des femmes in Francia, ha ricevuto il premio Salvo Randone 2000 per Shakespeare horror show e Donna e cultura Campidoglio (2007) e L’Aquila d’oro 2009 per l’interpretazione di Graciela in “Diatriba d’amore contro un uomo seduto” di Gabriel Garcia Márquez).

La sua presenza alla cerimonia di premiazione del “Boccaccio 2016”, già ricca di grandi nomi (da Sergio Zavoli presidente della giuria - rappresentata anche da Pier Francesco De Robertis, Paolo Ermini, Stefano Folli, Margaret Mazzantini, Marta Morazzoni, Luigi Testaferrata - , nonché da Federica De Sanctis conduttrice dell’evento) rende tale appuntamento imperdibile.

La sua è stata  - ed è - una carriera intensa (cinema, televisione, teatro, radio, attività letteraria, tanti premi e riconoscimenti) frutto di talento, curiosità, passione, e soprattutto di coraggio, quello di essere se stessa. “Il mondo interiore va curato più di quello esteriore - ci racconta – Il lavoro di conoscere se stessi è indispensabile, non solo per prestare corpo e voce a un personaggio, ma soprattutto per gestire la sensibilità sempre scoperta quando si interpreta”. Una forza interiore, la sua, dunque, conquistata nel tempo e che presta ai suoi personaggi, che a loro volta l’arricchiscono di nuovi stimoli. Ama la vita e a chi le domanda l’origine del suo eclettismo risponde citando il libro La difficoltà di essere di Jean Cocteau, prendendo in prestito le sue parole “perché non è una questione di ispirazione, ma di espirazione. Io mi trovo a espirare nella strada in cui in quel momento mi si offre. Ho cercato nella mia vita di imparare tecniche di espressioni per espirare ciò che avevo dentro”. Le sue passioni sono molteplici e variegate: per il Tai Ji Quan, che pratica regolarmente (è anche istruttore federale della scuola del Maestro Li Rong Mei), per gli studi di Antropologia culturale (grazie all’incontro con il grande professor Alfonso Maria Di Nola) che l’hanno portata a scrivere un saggio sulla storia degli ornamenti e dei suoi simboli. La sua carriera è stata ricca di incontri e di piacevoli sorprese come quella con il premio Oscar il polacco Andrzej Wajda che l’ha voluta per interpretare Oriana Fallaci in “Walesa-uomo della speranza”. Poi, girando la famosa intervista al leader di Solidarnosc, che inizialmente era all’interno della storia, Wajda le chiese di tornare a girare perché era diventata il filo conduttore del film. Per questa interpretazione ha vinto il “Premio Pasinetti” alla 70esima Mostra del Cinema di Venezia, nonché il “Premio Oriana Fallaci” nel 2014.

Di Oriana Fallaci leggerà alcuni brani della sua opera anche  domenica 11 settembre, alle ore 10.30, nel Parterre di Palazzo Pretorio, sempre a Certaldo Alto, in occasione dell’evento “11 Settembre 2001-2016”, che prevede gli interventi del vice ministro Riccardo Nencini (autore anche di saggi dedicati a Oriana Fallaci), l’Imam di Firenze  Izzedin Elzir, il presidente dell’istituto Sangalli Maurizio Sangalli.

Con tale iniziativa si chiuderà la kermesse di eventi della 35esima edizione del “Boccaccio 2016”, promossi dall’Associazione letteraria Giovanni Boccaccio, organizzatrice del Premio.

Si ringraziano il Comune di Certaldo, l’Assessorato alla cultura della Regione Toscana per la fattiva collaborazione e quanti hanno garantito il proprio prezioso sostegno: Banca di Cambiano, Cabel, Banca C. R. Firenze, Banca Monte dei Paschi di Siena, Banca Mediolanum, Confindustria di Firenze e il Rotary Club Valdelsa-Distretto 2071. L’organizzazione del Premio deve la sua riuscita alla passione e all’impegno costante dei componenti dell’Associazione letteraria Giovanni Boccaccio presieduta da Simona Dei e ai numerosi Amici del Boccaccio che rendono possibile sul territorio appuntamenti culturali di grande valore e qualità.

Certaldo 07 Settembre 2016

Condividi

Pagina 1 di 8

Visitatori

Oggi261
Ieri213
Settimana1411
Mese8404
Totale190460

0 Unknown - Unknown Venerdì, 30 Settembre 2016 18:50