Condividi

boccaccioperrasegnaAssociazione Letteraria Giovanni Boccaccio 

 

 

 

La storia del libro in due laboratori didattici  

E’ il “premio speciale” dei  vincitori del concorso letterario scolastico Giovanni Boccaccio

 

Alla scoperta del libro” è il tema dei due laboratori didattici offerti come “premio speciale” a due gruppi di studenti  del Liceo Classico “Dante” di Firenze, che hanno partecipato con successo alla prima edizione del concorso letterario Giovanni Boccaccio promosso dall’omonima Associazione letteraria. Gli studenti sono: Giorgio Ferrara - Irene Brianti - Ilaria Chiostri - Matteo Nepolitano - Rino Minicucci; nonché Irene Banchelli - Ginevra Fenyes - Viola Selvi - Matteo Seracini.

 

I due laboratori, condotti dalla dottoressa Nunzia Morosini nei locali della Biblioteca Casa di Giovanni Boccaccio, a Certaldo Alto, saranno attivati nelle prossime settimane in occasione della XXXII edizione  del “Premio Boccaccio”, la cui cerimonia si terrà sabato 14 settembre, alle ore 17.00, in Palazzo Pretorio, per la consegna dell’ambito riconoscimento a: Aldo Busi per la letteratura italiana, Catherine Dunne per la letteratura straniera, Massimo Franco per il giornalismo.

I laboratori si propongono di avvicinare gli studenti al mondo del libro, prima manoscritto e successivamente a stampa, visto nei suoi aspetti materiali, come manufatto unico il cui percorso accompagna la storia dell’umanità.

I laboratori (che normalmente nel corso dell’anno sono proposti anche agli adulti) prevedono un’introduzione alla storia del libro (fabbricazione della carta, differenza tra carta antica e moderna, conservazione, illustrazione, dalla miniatura all’incisione e alla stampa, tecniche e colori, marca tipografica, fabbricazione di un erbario) e  un approfondimento sul ruolo del libro come “oggetto” di trasmissione di sapere, in un momento in cui si affermano nuovi mezzi di lettura multimediale.

E’ uno straordinario  viaggio nel mondo del libro, che consente di prendere in esame: i vari materiali scrittori (dai cocci alle tavolette cerate, al papiro alla pergamena alla carta antica e moderna); il passaggio dal rotolo al codice, dal manoscritto al libro a stampa; gli strumenti usati per scrivere; i vari tipi di scrittura, la decorazione, fino ad arrivare al libro come lo conosciamo noi oggi, attraverso i cambiamenti avvenuti nel corso dei secoli (dovuti a motivi diversi: pratici, economici, politici, sociali); le diverse tipologie di danni che colpiscono il libro e la carta.

Nello specifico, in occasione del settecentesimo anniversario della nascita di Giovanni Boccaccio, sarà approfondita la produzione libraria ai tempi del grande novelliere: com’era il libro nel Trecento? Quali erano i materiali e gli strumenti di scrittura utilizzati? Quale il tipo di scrittura e come scriveva Giovanni Boccaccio?

Per info: Biblioteca Casa del Boccaccio, tel. O571664208, 3398839958, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Certaldo, lì 13 Agosto  2013