Condividi
10703515 823406221042875 2390570550395918879 n
Il “premio speciale” per il giornalismo, assegnato a Lucia Annunziata nell’ambito della XXXIII edizione del “Premio Letterario Giovanni Boccaccio”, sarà interamente devoluto a sostegno del campo profugo di Erbil, città curda dell'Iraq, capoluogo del governatorato di Arbil e della regione del Kurdistan iracheno, dove la giornalista è stata inviata per raccontare la drammaticità della guerra in corso e le efferatezze perpetrate dai terroristi dell’Isis.
 Lucia Annunziata, dunque, non ha potuto onorare con la sua presenza la cerimonia del Premio (svoltasi a Certaldo sabato pomeriggio 13 settembre), ma ha reso possibile una diretta tramite Skype che ha commosso il pubblico del “Boccaccio 2014”, regalando una pagina di autentico giornalismo sulla ferocia contro i cristiani e la minoranza vazida. L’orrore di questo fronte di guerra è stato raccontato  anche da padre Benham Benoka, intervistato in diretta da Lucia Annunziata.


L’Associazione letteraria Giovanni Boccaccio (organizzatrice del Premio e presieduta da Simona Dei) e la giuria (presieduta da Sergio Zavoli) non è rimasta insensibile all’eccezionalità di questa drammatica pagina di storia contemporanea che il giornalismo ha il dovere di raccontare. Pertanto, nonostante l’assenza di Annunziata, che secondo lo statuto del Premio avrebbe fatto decadere l’assegnazione del prestigioso riconoscimento, è stato deciso di mantenere tale riconoscimento, ma di destinare il premio in denaro ai profughi di Arbil e di mettere a disposizione anche un apposito IBAN (IT 82 S 01030 37810 000001697922 – causale “Boccaccio pro Kurdistan”) per coloro che volessero dare il proprio contributo a sostegno dei numerosi profughi cristiani in fuga.


Il “Boccaccio 2014” si è aperto, dunque, all’insegna dell’attualità  e con un messaggio del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, che si è detto disponibile a un impegno di fattiva solidarietà in termini di aiuti umanitari.

La cerimonia è, poi, proseguita con i saluti del presidente del consiglio dei ministri Matteo Renzi (il cui telegramma è stato letto dalla conduttrice Federica De Sanctis) e del sindaco del comune di Certaldo Giacomo Cucini, dando il via ai festeggiamenti dei protagonisti della manifestazione Antonella Cilento, François Garde ed Emilio Giannelli (vincitori rispettivamente per la letteratura italiana, la letteratura internazionale e il giornalismo tradotto in satira).

Emilio Giannelli (insieme a François Garde),  il giorno successivo, nel parterre di Palazzo Pretorio di Certaldo,  si è prestato, inoltre,  a un piacevole confronto con il pubblico, facendo il ritratto in diretta ad alcuni operai del comune di Certaldo, che hanno contribuito con il loro impegno alla riuscita della manifestazione (Alberto Paglierini, Vinicio Pelagotti, Massimilano Nicotra, Andrea Silveri). 


La tre giorni del Boccaccio è stata arricchita da tanti protagonisti e innumerevoli eventi collaterali, che potranno essere seguiti sul sito dell’Associazione (tramite la pubblicazione di un apposito video), ma anche su youtube (la diretta con Lucia Annunziata), su ITALIA7 TGT (canale 17) questa sera lunedì 15 settembre,  alle ore 19.30 e alle 20.30 (alcuni momenti della cerimonia) e su   Toscana TV (canale 18), giovedì prossimo 18 settembre, alle ore 21.10.


Tutto questo è stato possibile grazie a numerosi sponsor e sostenitori: la Banca di Credito Cooperativo Cambiano, la Fondazione  Cassa di Risparmio di San Miniato, la Banca Monte dei Paschi di Siena, la Banca Cassa di Risparmio di Firenze, la Banca Carige, la Confindustria di Firenze e il Rotary Club Valdelsa. Un doveroso  ringraziamento spetta anche al  comune di Certaldo e, in particolare, ai componenti dell’Associazione letteraria  e ai numerosi Amici del Boccaccio.

 

UFFICIO STAMPA: Maria Antonietta Cruciata